La televisione svizzera per l’Italia

Il presidente della Saudi National Bank si dimette dopo il commento su Credit Suisse

Credit Suisse
© Keystone / Michael Buholzer

Ammar Al-Khudairy, il presidente della Saudi National Bank che, con i suoi recenti commenti ha contribuito a innescare il crollo delle azioni del Credit Suisse acquisita poi dalla rivale UBS, si è dimesso.

Il presidente della Saudi National Bank ha rassegnato le proprie dimissioni per “motivi personali”, si legge in un documento pubblicato lunedì.

Il deposito della borsa Tadawul di Riyadh ha annunciato le dimissioni di Ammar al-Khudairy dalla Saudi National Bank.

+ Come la “trinità” svizzera ha costretto UBS a salvare Credit Suisse

Le azioni del Credit Suisse sono crollate di oltre il 30% dopo che il 15 marzo al-Khudairy ha annunciato che il suo maggiore azionista – la Saudi National Bank – non avrebbe “assolutamente” fornito ulteriori fondi alla banca svizzera se ci fosse stata un’altra richiesta di liquidità aggiuntiva.

Qualche ora dopo, la Banca Nazionale Svizzera è stata costretta ad accettare di prestare al Credit Suisse fino a 50 miliardi di franchi svizzeri (54 miliardi di dollari) per sostenere le sue finanze. Ma il finanziamento di emergenza non è riuscito a ripristinare la fiducia del mercato e non è stato possibile evitare l’inizio di una discesa per Credit Suisse.

+ Crollo del Credit Suisse: conseguenze e questioni aperte

Poco più di una settimana fa il Governo svizzero ha fatto approvare all’ultimo minuto un accordo per l’acquisizione del Credit Suisse in difficoltà da parte di UBS a un prezzo ribassato. UBS pagherà 3 miliardi di franchi svizzeri (3,2 miliardi di euro) in un accordo per tutte le azioni che include ampie garanzie governative e disposizioni sulla liquidità.

La Saudi National Bank, che appartiene per il 37% al fondo sovrano del regno, ha acquisito lo scorso anno una partecipazione del 9,9% nel Credit Suisse per 1,4 miliardi di franchi.

L’investimento si è ridotto di circa l’80% in seguito all’operazione di acquisizione da parte di UBS, che ha valutato le azioni del Credit Suisse ben al di sotto del loro prezzo di negoziazione nei giorni precedenti al drammatico salvataggio della seconda banca svizzera.

+ Perché una banca mostruosa come UBS spaventa la Svizzera

Attualità

fotografia aerea dell'edificio principale del politecnico federale di zurigo

Altri sviluppi

Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Studentesse e studenti stranieri che in futuro intendono frequentare i politecnici federali di Zurigo e Losanna potrebbero veder triplicate le loro tasse d'iscrizione.

Di più Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri
uomo con passamontagna tiene un cappio

Altri sviluppi

Forte aumento delle esecuzioni capitali nel mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno scorso il numero di esecuzioni nel mondo ha raggiunto il livello più alto dal 2015. Amnesty International ne ha contate 1'153, senza la Cina, che non fornisce cifre. La progressione più alta è stata registrata in Iran.

Di più Forte aumento delle esecuzioni capitali nel mondo
auto tra muraglioni di neve

Altri sviluppi

Riapre il passo del San Gottardo

Questo contenuto è stato pubblicato al La barriera sulla strada che porta ai 2'108 metri del valico tra il Ticino e Uri è stata sollevata alle 11:00 di mercoledì. L’apertura è stata posticipata a causa della neve.

Di più Riapre il passo del San Gottardo
persone che votano

Altri sviluppi

In Sudafrica si rinnova il Parlamento

Questo contenuto è stato pubblicato al Oltre 26 milioni di sudafricani sono chiamati alle urne mercoledì per eleggere i 400 membri del Parlamento, che dovranno poi a loro volta nominare il prossimo presidente.

Di più In Sudafrica si rinnova il Parlamento
donna sale su un'auto

Altri sviluppi

Nessun aiuto per la riconversione professionale di chi si prostituisce

Questo contenuto è stato pubblicato al Le persone che desiderano abbandonare la prostituzione non saranno aiutate a riconvertirsi professionalmente. Mercoledì il Consiglio degli Stati ha respinto all'unanimità una mozione del Consiglio nazionale in tal senso.

Di più Nessun aiuto per la riconversione professionale di chi si prostituisce

Altri sviluppi

Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Papa si scusa sull'epiteto-shock riguardante i seminaristi gay, trapelato a distanza di una settimana dall'incontro a porte chiuse con i vescovi italiani in cui sarebbe stato pronunciato, e che ieri in un baleno ha fatto il giro del mondo.

Di più Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR