Navigation

Il Papa in Uganda

Parole d'apprezzamento per l'accoglienza riservata ai molti profughi ospitati dal paese africano

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 novembre 2015 - 20:50

Il modo col quale il mondo tratta i migranti è indicativo della nostra umanità e della nostra solidarietà, ha dichiarato venerdì il Papa, reduce dalla tappa in Kenya e appena giunto a Entebbe, dove si trova il più grande aeroporto dell'Uganda, oltre che la sede della presidenza.

Francesco ha quindi lodato popolazione e autorità di questo paese dell'Africa orientale per l'accoglienza che hanno saputo dare agli oltre 500'000 rifugiati presenti sul territorio nazionale.

Rivolgendosi ai membri del Governo e al capo dello Stato Yoweri Museveni, il Pontefice ha detto di sperare, con la sua breve visita, d'incoraggiare gli sforzi in favore di poveri, malati e di chi, in qualche modo, si trova in difficoltà. "Sono questi piccoli segni che danno un'idea della vera anima di un popolo", ha sottolineato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.