Navigation

Il Messico depenalizza l'aborto

Contenuto esterno

La Corte suprema del Messico ha dichiarato martedì sera incostituzionale la criminalizzazione dell'aborto, con un voto unanime. "È un passo in più nella storica lotta per l'uguaglianza (delle donne), la dignità e il pieno esercizio dei loro diritti", ha affermato il presidente della Corte, Arturo Zaldívar.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 settembre 2021 - 16:15
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

"D'ora in poi non sarà possibile, senza violare i criteri del tribunale e della Costituzione, perseguire una donna che abortisce nei casi convalidati da questo tribunale", ha sottolineato. 

Una fonte giudiziaria ha spiegato che questa sentenza ha effettivamente una portata nazionale perché consentirà alle donne che vivono in Stati in cui l'aborto è criminalizzato di accedere all'aborto su decisione di un giudice. 

Città del Messico ha depenalizzato l'aborto fino a 12 settimane di gestazione nel 2007 ed è praticato gratuitamente nelle cliniche comunali, indipendentemente dal fatto che le donne vivano o meno in altri quartieri. 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.