Navigation

Il Lussemburgo soffre la sospensione di Schengen

Una "galera" quotidiana, quella di migliaia di francesi che ogni giorno si recano al lavoro in Lussemburgo

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 dicembre 2015 - 20:30

Cosa significherebbe ristabilire i controlli alle frontiere interne dell'Europa, lo dimostra bene il Lussemburgo. Il piu prospero degli Stati dell'Unione che -da molti anni- ha puntato sulla manodopera frontaliera. La sospensione degli accordi di Schengen - decisa dalla Francia- sta causando forti disagi ai lavoratori e alle imprese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.