Navigation

Il killer norvegese chiede condizioni carcerarie migliori

Nel luglio del 2011 Anders Breivik uccise 77 persone tra Oslo e Utoya. Condannato a 21 anni si trova in isolamento a Skien, in una cella dotata di tv e computer.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 marzo 2016 - 14:51

In Norvegia è iniziata questa mattina l'udienza del ricorso presentato da Anders Breivik, l'autore delle stragi di Oslo e Utoya del 2011 in cui morirono 77 persone.

Il giovane di estrema destra, che in aula ha fatto il saluto nazista, ha fatto causa allo Stato per le sue condizioni di detenzione. Comincia così l'udienza del processo che l'uomo ha intentato contro lo stato norvegese, colpevole di avergli inflitto condizioni carcerarie troppo dure.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.