Navigation

Il G7 sfida la Cina sull'origine del virus

Contenuto esterno

Il G7 sfida la Cina chiedendo una nuova indagine sull'origine del virus che ha messo in ginocchio il mondo. Il primo tassello della strategia del presidente americano Joe Biden per ricompattare un fronte sfaldato dal suo predecessore e renderlo in grado di affrontare unito Pechino è una mossa squisitamente trumpiana: quell'accusa sul "virus cinese" che sarebbe sfuggito dal laboratorio di Wuhan.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 giugno 2021 - 21:11

Un segnale che Pechino non ha incassato in silenzio: nelle stesse ore ha infatti varato una nuova legge contro le sanzioni imposte da paesi stranieri che prevede tra l'altro "il rifiuto del visto, l'espulsione, il sequestro e il congelamento di beni" a chi aderirà alle misure "contro imprese o funzionari cinesi".
 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.