Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Il Dipartimento affari esteri ha discriminato l’italiano



Marco Romano (a sinistra) e Fulvio Regazzi

Marco Romano (a sinistra) e Fulvio Regazzi

(tipress)

Lo dice il Governo rispondendo a delle interpellanze

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha violato la Legge sulle lingue nazionali e la comprensione tra le comunità linguistiche (LLing) pubblicando bandi di concorso palesemente pregiudizievoli per gli italofoni.

Lo ammette il Consiglio federale rispondendo a interpellanze dei consiglieri nazionali ticinesi PPD Marco Romano e Fabio Regazzi che facevano riferimento a dei bandi di concorso per ingegneri nel genio civile. Si denunciava in particolare il criterio «di madrelingua francese o tedesca» che doveva essere soddisfatto dai candidati e che escludeva quindi gli italofoni.

Nella sua risposta il governo condivide il parere dei due consiglieri nazionali. I testi dei bandi di concorso «non sono conformi né alla legge sulle lingue né alle relative norme di applicazione» e il criterio relativo alla madrelingua è effettivamente «discriminatorio».

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×