Navigation

Il caso "Rubygate" torna in aula

Berlusconi affronta il processo d'appello per il "Rubygate" Reuters

Al via il processo d'appello a Milano con Silvio Berlusconi grande assente

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 giugno 2014 - 12:06

Si è aperto oggi, venerdì, a Milano il processo d'appello per il "Rubygate", nel quale Silvio Berlusconi è accusato di prostituzione minorile e abuso di potere. Secondo quanto rende noto la stampa italiana, il verdetto potrebbe esser pronunciato a settembre o in ottobre.

L'ex cavaliere non era presente a questa prima udienza, riservata a questioni puramente procedurali e caratterizzata dai suoi nuovi avvocati (Franco Coppi e Filippo Dinacci), che sostituiscono i suoi difensori storici – Nicolò Ghedini e Piero Longo –, che a loro volta sono oggetto di un'inchiesta della procura di Milano, secondo la quale avrebbero corrotto alcuni testimoni del primo processo "Rubygate".

Al termine di quest'ultimo procedimento giudiziario, nel giugno 2013, il 77enne Berlusconi era stato condannato a sette anni di carcere e all'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Per i giudici, infatti, è provato che l'ex premier abbia avuto rapporti intimi con Ruby, alias Karima El Maghroub, quando la ragazza aveva solo 17 anni, in cambio di regali e denaro.

Red. MM/ATS/AGI/EnCa

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.