Navigation

Haiti, dopo il colera, la collera degli abitanti

Disperazione, fame, malattia: decine di cittadini hanno presto d'assalto i camion degli aiuti umanitari dell'ONU. Caschi blu costretti a sparare gas lacrimogeni

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 ottobre 2016 - 14:21

Dopo la distruzione provocata solo una decina di giorni fa dall'uragano Matthew, che ha causato la morte di quasi mille persone, sabato sono arrivati ad Haiti i camion di aiuti. Un piccola folla disperata per la lentezza nella distribuzione ha però lanciato sassi contro gli operatori umanitari delle Nazioni Unite.

Gli scontri si sono verificati poco prima dell'arrivo del segretario generale dell'ONU, Ban Ki-Moon che ha dichiarato che la priorità per le Nazioni Unite sarà fermare l'epidemia di colera e dare supporto alle familie delle vittime.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.