Navigation

Grecia sotto la pressione dei migranti

È giunto alla penultima tappa il viaggio del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, da giorni in visita nelle capitali della rotta balcanica per ricostruire il consenso europeo sulla crisi migratoria

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 marzo 2016 - 20:18

In Europa è la Grecia che sta vivendo la situazione più difficile. Oggi ad Atene è arrivato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, il quale ha tenuto a chiarire che la Grecia non sarà lasciata da sola e che gli accordi di Schengen torneranno in vigore. Parole ribadite poi nel pomeriggio ad Ankara, dove ha pure sottolineato la necessità di combattere il traffico di esseri umani e l'immigrazione illegale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.