Navigation

Grecia, un altro sì alle riforme

Il Parlamento ha approvato il secondo pacchetto concordato con l'Eurozona; il partito del premier Tsipras rimane diviso ma le fila dei dissidenti si assottigliano

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 luglio 2015 - 12:43

Nella notte tra mercoledì e giovedì, il parlamento greco ha approvato con ampia maggioranza -230 sì, su 298 voti- il secondo pacchetto di riforme concordate con l'Eurozona.

Un sì giunto malgrado le divisioni interne di Syriza, il partito del premier Alexis Tsipras, nel quale però le fila degli oppositori all'austerità si assottigliano, anche se di poco.

Un'approvazione sostenuta, a sorpresa, anche dall'ex ministro delle finanze Yanis Varoufakis, che aveva invece respinto il primo pacchetto di riforme. Lo avrebbe fatto per far guadagnare tempo al governo nella trattativa con i creditori.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.