Navigation

Grecia, quo vadis?

Il popolo greco non ha paura di nulla. Il ministro delle finanze si dimette. L'Europa reagirà nelle prossime ore. Le borse soffrono

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 luglio 2015 - 12:51

Colpo di scena in Grecia all'indomani del referendum in cui si sono affermati i "no" alle misure di austerità volute dai creditori internazionali. Dopo i festeggiamenti ad Atene questa mattina sono arrivate a sorpresa le dimissioni del ministro delle finanze greco, Yanis Varoufakis. "Lascio per favorire l'intesa visto che non sono persona gradita al tavolo dei negoziati", è stata la sua spiegazione. Intanto il premier Tsipras ha riunito i leader degli altri partiti politici per fare il punto della situazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.