Navigation

Grecia, Juncker: "dipende tutto da Tsipras"

Così il presidente della Commissione Ue, prima del vertice straordinario dell'Eurozona: "spero ci spiegherà quali sono i suoi piani per il futuro del Paese"

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 luglio 2015 - 21:02

Il rompicapo Grecia torna protagonista a Bruxelles dopo il colpo di scena del referendum, ma siamo agli sgoccioli: o i leader europei daranno via libera a un nuovo piano d'aiuti, o per il Paese sarà fallimento.

Il premier Alexis Tsipras, durante la campagna per il referendum, aveva promesso che la Grecia avrebbe raggiunto un accordo con i creditori e sarebbe rimasta nell'Euro. "Dipende tutto dal signor Tsipras", ha dichiarato il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker: "Spero che durante questa riunione ci spiegherà quali sono i suoi piani per il futuro della Grecia e poi si vedrà."

Entro domani Atene dovrebbe formalizzare la sua nuova richiesta d'aiuto al Fondo salva-Stati. Si parla di un nuovo pacchetto da 49 miliardi di euro.

A due giorni dal referendum, la quotidianità dei greci oscilla tra speranza e disperazione per un futuro senza certezze. Per l'ottavo giorno consecutivo le banche sono rimaste chiuse. Una situazione che potrebbe durare ancora per diversi giorni.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?