Navigation

Gli Stati Uniti in piazza per l'aborto

Fra i manifestanti la rabbia è palpabile. "La Corte Suprema dovrebbe difendere i diritti, non cancellarli", è uno dei mantra ripetuti. Keystone / Justin Lane

Più di 200 manifestazioni in tutta l'America a sostegno dei diritti e dell'accesso all'aborto. Nelle grandi città è tutto pronto per la protesta con la quale gli organizzatori puntano a inviare un messaggio chiaro: "tutti meritano l'accesso all'aborto di cui hanno bisogno, quando ne hanno bisogno e nella comunità in cui vivono e in cui hanno fiducia".

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 maggio 2022 - 21:14
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

L'America scende in piazza per il diritto all'aborto. Migliaia di persone manifestano in tutto il paese da New York a Washington, da Los Angeles a Boston passando per Austin, bastione democratico del Texas repubblicano e ultraconservatore.

Le proteste sono solo un assaggio dell'"estate di rabbia" che si paventa. In giugno infatti la Corte Suprema dovrà prendere una decisione e l'orientamento dei saggi, emerso dalla bozza di recente trapelata e pubblicata, è quello di capovolgere la Roe v. Wade, la storica sentenza del 1973 che ha legalizzato l'aborto negli Stati Uniti.

Proprio la fuga di notizie dalla Corte Suprema agli inizi di maggio è alla base della protesta delle donne americane che non vogliono vedersi strappare un diritto faticosamente conquistato in anni e anni di battaglie. Un'ira che pesa sulla Casa Bianca: di fronte all'incapacità di agire di un Congresso spaccato la pressione sale sul presidente Joe Biden, chiamato da più parti a intervenire per difendere l'attacco ai diritti delle donne. Per l'inquilino della Casa Bianca, in vista delle elezioni di metà mandato, l'aborto è un tema particolarmente spinoso, perché rischia di ampliare ulteriormente le profonde divisioni già esistenti nella società americana e di alienare molti elettori.

Contenuto esterno

Nonostante questo, per Biden e i democratici si tratta di una battaglia cruciale, nella quale c'è in gioco anche la tutela della privacy. "Ricordatevi quello che vi dico ora: dopo la brutalità dell'aborto nel mirino finiranno le nozze gay", ha detto di recente il presidente, mettendo in guardia sull'ampia portata che la decisione della Corte Suprema a maggioranza conservatrice - grazie alle tre nomine effettuate dall'ex presidente Donald Trump negli scorsi anni - può avere a livello sociale.

Se i saggi decidessero di capovolgere la Roe v. Wade, infatti, l'aborto diverrebbe immediatamente illegale in decine di Stati americani. "Il nostro obiettivo qui in California è aiutare le nostre sorelle del vicino Texas", spiega la fondatrice di Women's March Foundation Emiliana Guereca, riferendosi al fatto che il Texas è uno degli Stati americani dove le interruzioni di gravidanza diverrebbero illegali del tutto costringendo le donne a cercare assistenza altrove.

Fra i manifestanti la rabbia è palpabile. "La Corte Suprema dovrebbe difendere i diritti, non cancellarli", è uno dei mantra ripetuti. "Intorno al tema dell'aborto ci sono molti equivoci. Molti pensano solo a bambini non voluti, ma non è così. Ci sono donne costrette ad abortire per complicazioni, altre perché la loro vita è in pericolo", afferma Lauren Frazier, direttore della comunicazione e del marketing di Planned Parenthood Southeast, intervenendo ad Atlanta. Dopo aver protestato davanti alle abitazioni private dei giudici costituzionali conservatori, nella capitale Washington, i manifestanti hanno marciato verso la sede della Corte Suprema con l'obiettivo di recapitare il chiaro messaggio dell'America: "Giù le mani dal nostri corpi. Nessuno può decidere cosa è meglio per noi se non noi stesse. Il corpo è mio e decido io".

Le centinaia di migliaia di persone in piazza sono probabilmente un messaggio ancora più assordante delle parole per la Corte Suprema, mostrando un'America contraria a tornare indietro di 50 anni. E i sondaggi indicano proprio questo: oltre il 66% degli americani - donne, uomini, repubblicani e democratici - sono contrari all'abolizione dell'aborto, ritenuto ormai un diritto acquisito e da tutelare a prescindere dall'orientamento politico e religioso.

Il commento del nostro corrispondente a Washington:

Contenuto esterno


 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?