Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Giustizia elvetica ancora alle prese con Parmalat

(Keystone)

Il Tribunale federale chiede di rivedere la pena inflitta a un ex manager in Svizzera

Lo scandalo Parmalat torna a far parlare di sé in Svizzera.

Protagonista della vicenda è un ex manager italiano condannato in prima istanza, in Italia, a sette anni di reclusione. L'imputato all'epoca rivestiva funzioni dirigenziali presso il gruppo Tanzi, implicato nella bancarotta di Parmalat.

All'uomo condannato per riciclaggio semplice, in Svizzera era stata inflitta una pena pecuniaria di 180 aliquote giornaliere da 110 franchi (circa 90 euro) sospesa con la condizionale.

Ora, il Tribuinale federale, sulla base di un ricorso del Ministero pubblico della Confederazione chiede al Tribunale penale federale, con sede a Bellinzona (Ticino), di riesaminare l'ammontare della pena pecuniaria inflitta al sessantenne italiano.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box