Navigation

Giustizia elvetica ancora alle prese con Parmalat

Keystone

Il Tribunale federale chiede di rivedere la pena inflitta a un ex manager in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 agosto 2014 - 18:08

Lo scandalo Parmalat torna a far parlare di sé in Svizzera.

Protagonista della vicenda è un ex manager italiano condannato in prima istanza, in Italia, a sette anni di reclusione. L'imputato all'epoca rivestiva funzioni dirigenziali presso il gruppo Tanzi, implicato nella bancarotta di Parmalat.

All'uomo condannato per riciclaggio semplice, in Svizzera era stata inflitta una pena pecuniaria di 180 aliquote giornaliere da 110 franchi (circa 90 euro) sospesa con la condizionale.

Ora, il Tribuinale federale, sulla base di un ricorso del Ministero pubblico della Confederazione chiede al Tribunale penale federale, con sede a Bellinzona (Ticino), di riesaminare l'ammontare della pena pecuniaria inflitta al sessantenne italiano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.