Navigation

Giornata di paura per le borse

Dopo il tracollo di Tokyo, in Europa le trattative sono cominciate in positivo per poi virare al rosso; gli investitori si buttano sui beni rifugio

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 febbraio 2016 - 21:49

Per i mercati azionari, la giornata di martedì è stata segnata dalla paura e dalla volatilità.

Si è iniziato con il tracollo della Borsa di Tokyo, che ha perso più del 5%. Anche Wall Street ha aperto in forte ribasso. In Europa le trattative sono cominciate in positivo per poi virare al rosso.

Gli investitori si sono buttati sui cosiddetti beni rifugio, considerati sicuri. A influire sull'andamento delle borse in queste quarantott'ore sono le incertezze legate alla crescita mondiale. C'è attesa anche sui possibili rialzi dei tassi da parte della FED, la Banca Centrale americana.

Nel video, le considerazioni di Alfonso Tuor, giornalista economico e docente della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.