Navigation

Ue, gas e atomo tra gli investimenti sostenibili

Contenuto esterno

È scontro aperto sul nucleare dentro la Commissione europea. E anche all'Europarlametno si amplia il fronte del no all'ipotesi di considerare 'verde', nell'ambito della tassonomia, l'energia prodotta dall'atomo e dalle centrali a gas. Fortemente contrari Austria, Danimarca, Lussemburgo e Spagna.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 gennaio 2022 - 21:23

Il commissario al bilancio, l'austriaco Johannes Hahn, è sceso oggi in campo spiegando qual è la sua posizione in vista dell'esame della proposta di atto delegato (dentro la quale si parla anche di gas) che dovrebbe approdare nelle prossime settimane - sempre che non ci siano ulteriori rinvii - a una riunione del collegio dei commissari. 

"Devo aspettare la bozza finale ma non ho mai nascosto la mia opinione sul nucleare": se il testo del regolamento resterà così "voterò contro", ha detto Hahn. Il che riflette la posizione del suo Paese, che insieme al Lussemburgo ha minacciato di portare la Commissione in Corte di giustizia. 

Green bond per atomo e gas?

Il commissario austriaco ha ricordato che "il denaro europeo non può essere utilizzato per le centrali nucleari o per le centrali a gas" e questo è scritto "sul nostro regolamento che include anche i fondi strutturali". In altre parole, le regole sui green bond del Next Generation EU garantiscono agli investitori che i fondi raccolti non saranno destinati a gas e nucleare, mentre la tassonomia che nell'ambizione Ue deve essere il golden standard della finanza sostenibile mondiale probabilmente lo permetterà, anche se a certe condizioni. 

Hahn potrebbe non essere l'unico, dentro la Commissione, a essere contro la formulazione attuale della bozza di atto delegato sulla tassonomia. Oggi come oggi, fanno notare fonti Ue, "le posizioni nazionali sono molto forti". E note. I commissari potrebbero quindi allinearsi con i rispettivi governi. I Paesi nettamente contrari all'idea di gas e atomo ecologici sono quattro: Austria, Danimarca, Lussemburgo e Spagna. Di questi, due hanno commissari di grandissimo peso, Margrethe Vestager e Josep Borrell. 

E la Spagna potrebbe uscirne facendosi una tassonomia tutta sua, senza le fonti controverse, come ventilato nei giorni scorsi dalla ministra Teresa Ribeira. A sostenere il testo sono invece di sicuro la commissaria ai servizi finanziari, Mairead McGuinness, e soprattutto da un altro esponente di peso del collegio, il vicepresidente Valdis Dombrovskis. 



 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?