Navigation

Fronte comune contro l'Isis in Siria

Vertice Obama-Putin a margine del G20 in Turchia. Assad resta fino a gennaio e dopo via ai negoziati mediati dall'ONU

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 novembre 2015 - 22:25

Si va verso un coordinamento delle azioni militari tra Stati Uniti e Russia sul teatro di guerra siriano. A margine del G20 in corso ad Antalya (Turchia) Barak Obama e Vladimir Putin si sono incontrati a porte chiuse per oltre mezz'ora con l'obiettivo di unire le forze contro lo Stato Islamico, mandante delle stragi di Parigi di venerdì scorso e, precedentemente, degli attentati all'aereo russo e ad Ankhara.

Nell'ultimo mese l'Isis ha infatti dimostrato di saper agire anche lontano dai confini del califfato nero. Per questo motivo i leader mondiali hanno convenuto sull'esigenza di risolvere la crisi siriana che costituisce il terreno di cultura degli aguzzini dello Stato Islamico.

Nella bozza d'intesa è stato concordato che Bashar al Assad resterà al potere fino a gennaio, dopodiché inizieranno le trattative, mediate dall'ONU, tra il regime e l'opposizione, ad esclusione ovviamente delle frange qaediste e dell'Isis.

Da notare che il presidente americano Barack Obama ha avuto parole di apprezzamento per le operazioni militari russe a sostegno di Assad, su cui in precedenza gli USA non avevano lesinato critiche, in particolare per il fatto che erano dirette soprattutto contro l'opposizione "moderata" invece che contro i terroristi islamici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.