Navigation

Front National, i giudici annullano l'espulsione di Jean-Marie Le Pen

Punto a favore del fondatore del partito della destra francese nella disputa con gli attuali dirigenti, tra cui la figlia Marine

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 luglio 2015 - 21:06

Nuovo colpo di scena nella vertenza "familiare" che coinvolge i leader, passati e attuali, del Front National. Il Tribunale di Nanterre ha infatti reintegrato il fondatore Jean-Marie Le Pen nella sua carica di presidente onorario, dopo che lo scorso 4 maggio il comitato esecutivo del partito francese, guidato dalla figlia Marine, lo aveva espulso. La sua sospensione hanno rilevato i giudici, è nulla per motivi formali. Ma la partita non sembra affatto chiusa dal momento che all'interno della formazione politica di destra è già stata attivata la procedura per abolire tale carica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.