Navigation

Francia senza benzina e energia

Il braccio di ferro tra governo e sindacati ha portato al bloccodell'approvvigionamento di carburante. Ora si tema anche lo sciopero nelle centrali nucleari

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 maggio 2016 - 22:34

Continua in Francia il braccio di ferro tra il governo e i sindacati che ha in parte bloccato l'approvvigionamento di carburante occupando raffinerie e depositi. Tra ieri ed oggi, la polizia ha sgomberato alcuni impianti, ma rifornirsi resta difficile. Inoltre, si profila lo sciopero nelle centrali nucleari che producono energia elettrica.

Sono ormai 2 su 5 le stazioni di benzina in difficoltà, dove il carburante è poco o le pompe sono a secco. Il blocco delle raffinerie e dei depositi continua, così in alcuni distributori si limita l'erogazione a 20 o 30 litri per cliente per poter servire tutti, mentre il governo ha deciso di attingere alle riserve d'emergenza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.