Navigation

Forte sisma a Taiwan, crollati grattacieli

Scossa di magnitudo 6,4 nella notte, almeno 200 persone estratte dalle macerie

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 febbraio 2016 - 15:14

Almeno 13 persone sono morte e oltre 300 ferite a causa di una forte scossa tellurica di magnitudo 6,4, che ha fatto tremare l'isola di Taiwan nella notte.

Il bilancio, destinato verosimilmente a peggiorare nelle prossime ore in considerazione del numero di dispersi (oltre 100) e delle persone ancora sotto le macerie, poteva comunque essere più pesante per la densità della popolazione nella zona colpita, nel sud-ovest del paese, e dell'ora in cui si è prodotto il fenomeno tellurico. Sono comunque oltre 200 finora i taiwanesi estratti vivi dalle macerie grazie al pronto intervento delle squadre di soccorso.

Nella città di Tainan diversi palazzi di oltre 13 piani sono crollati o sono restati comunque danneggiati dal sisma. In alcune regioni è stato interrotto il flusso di acqua e energia elettrica. Le autorità stanno indagando per verificare se gli edifici distrutti erano in regola con le norme antisismiche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.