Navigation

Formaggio "svizzero" prodotto in Turchia

Nella regione montuosa di Bogatepe, nella Turchia orientale, si produce e commercializza ancora oggi un formaggio nato da una ricetta introdotta da un mastro casaro elvetico 150 anni fa. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2018 - 08:16
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Bogatepe in Turchia è una regione montagnosa nella parte orientale del paese, vicino a Georgia e Armenia, dove si produce come detto del formaggio… svizzero. Qui, dove ci sono più mucche che abitanti e pascoli come sulle Alpi, oltre 150 anni fa il mastro casaro elvetico David Moser avviò una sua attività che resiste tuttora.

E il formaggio è diventato una fonte di reddito per la popolazione locale. Il latte viene lavorato praticamente come si faceva un tempo, con grande sforzo fisico, poiché “un macchinario automatico per noi costerebbe troppo”, afferma il casaro Cagdas Koculu.

Il formaggio prodotto secondo la ricetta svizzera si chiama Grawijer ed è venduto in tutta la Turchia come una specialità. “Lo stile è simile al Gruyère, ma il gusto è più vicino all’Emmental”, spiega ancora Cagdas Koculu. Ovvero le due glorie nazionali elvetiche del formaggio.

Nel villaggio c’è anche un piccolo museo che ricorda gli svizzeri; David Moser ha portato su queste montagne molto di più della sua conoscenza casearia. Lo sa bene Fatih Tàtari, che per il suo lavoro di dottorato ha intervistato diversi contadini della regione. “David Moser ha avviato la produzione di questo formaggio ma non solo. Si è occupato anche dei processi di vendita – spiega – Per i contadini ciò ha rappresentato un cambiamento durevole dello stile di vita. E’ questa l’eredità più importante”.

E le cose si sono evolute ulteriormente. Il Grawijer è commercializzato da una cooperativa composta in maggioranza da donne che, gestendo il denaro, hanno ottenuto maggior voce in capitolo su molte questioni quotidiane, dall’educazione dei figli agli acquisti per la casa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.