Navigation

Filippine, le sfide del neo-presidente Duterte

Il controverso sindaco di Davao dovrà, su tutto, sostenere l'economia; che impatto avrà il suo stile sugli investitori stranieri?

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 maggio 2016 - 20:32

Sono numerose le sfide che attendono Rodrigo Duterte, il controverso sindaco di Davao che ha vinto lunedì le elezioni Presidenziali nelle Filippine.Una di queste è sostenere l'economia, che da sei anni cresce ad una media del 6%, più di qualsiasi altro Paese della regione.

Che impatto avranno il suo stile e le sue idee radicali sugli investitori stranieri, che guardano alle Filippine, come un mercato ricco di opportunita' e di potenziale?

Sembra un giorno qualunque nel cuore di Manila, dove i palazzi scintillanti crescono come funghi, ma oggi le Filippine hanno un nuovo Presidente.Rodrigo Duterte vuole rompere con il passato, con un'unica eccezione: l'economia. Lui ammette la poca esperienza in materia, ma promette di circondarsi dei migliori esperti.

Nulla infatti è ciò che sembra. Il divario tra ricchi e poveri, nelle Filippine, è uno dei più grandi in Asia. Il Presidente Aquino non è riuscito ad alleviare la povertà come auspicato. La crescita inclusiva deve essere una priorità.

Sin dagli anni '70, milioni di filippini vanno all'estero a lavorare. È il 10% della popolazione, che contribuisce enormemente all'economia, poiché ogni anno mandano a casa miliardi di franchi, 25 lo scorso anno. Per questo la parola cambiamento ha dominato questa campagna, perché più impieghi sono necessari, qui.

Ci sono molte anomalie nell'economia filippina, guidata dai servizi, dalle ditte straniere che hanno delocalizzato le loro attività, più che dalle riforme del governo incompiute, a cominciare dalle infrastrutture.

"Molte cose devono cambiare", sostiene l'economista Benjamin Diokno. "La stampa non è libera, l'educazione non è per tutti, gli stranieri non hanno diritto a più del 40% di una società, ci vuole piu' apertura".

Le porte si sono già aperte per la Svizzera, membro dell'Associazione europea di libero scambio, che ha firmato pochi giorni fa un accordo con le Filippine, che ridurrà i dazi doganali.

Sono 60 le ditte svizzere nel Paese, che hanno investito oltre 1 miliardo di franchi.

Nessuno dei suoi rappresentanti teme che lo slancio economico sarà compromesso dal controverso nuovo presidente: "Il progresso economico è guidato dal settore privato e il governo è uno spettatore", dice Thomas Stockinger, presidente di Swiss Finance & Investment Corp, "credo sia importante che qualcuno assuma un ruolo più attivo".

"Le fondamenta, le banche funzionano da sole con una buona amministrazione", osserva Luis Mendez, presidente del Philippine Swiss Business Council, "ma se si risolve il problema delle infrastrutture e della criminalità è un bel progresso".

Anche i mercati finanziari hanno reagito positivamente alla vittoria di Duterte. Ora non resta che vedere cosa è capace di fare il Presidente eletto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.