Navigation

Espulsioni dei siriani, la Grecia chiede tempo

Francia e Germania inviano specialisti per accelerare le pratiche sull'asilo nei centri di registrazione dell'Egeo. Proteste contro il piano Ue

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 marzo 2016 - 21:13

Oggi dovevano iniziare i rimpatri di immigrati stabilito dall'ultimo vertice Ue ma la Grecia chiede più tempo, anche perché gli sbarchi di siriani, in particolare sulle isole di Lesbos continuano.

Da ieri i migranti presenti nelle isole dell'Egeo sono stati portati sul continente per consentire lo svuotamento dei centri di registrazione dove da oggi i profughi dovranno depositare richiesta d'asilo, in alternativa al respingimento immediato in Turchia, come indicato dal piano europeo. "Tertium non datur" come dicevano i latini, per cui sarà esclusa la prosecuzione del viaggio da parte dei migranti in altri lidi, quali Germania o Svezia.

Ma per non violare gli accordi internazionali e i diritti dei rifugiati ogni caso sarà esaminato singolarmente e i primi rientri (espulsioni) inizieranno come previsto il 4 aprile. Per rispettare questa tempistica Berlino e Parigi hanno assicurato l'invio di 600 specialisti nel campo dell'immigrazione. Intanto però in diverse piazze europee si sono svolte manifestazioni contro il piano europeo ritenuto lesivo dei diritti dell'uomo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.