Navigation

Venezuela, il partito di Maduro prende le redini del Parlamento

L'ex vicepresidente del Venezuela Jorge Rodriguez ha assunto la presidenza dell'Assemblea nazionale. Keystone / Rayner Pena

Il partito del presidente del Venezuela Nicolas Maduro controlla da martedì il Parlamento, unica istituzione finora nelle mani dell'opposizione la quale si è riunita in un'assemblea parallela poiché considera "fraudolento" il risultato delle urne dello scorso mese.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 gennaio 2021 - 13:14

I deputati del Partito socialista unito del Venezuela (PSUV) e i suoi alleati detengono 256 dei 277 seggi del Parlamento monocamerale.

Gli eletti sono entrati martedì nell'emiciclo, attorniato da un importante dispiegamento di agenti di polizia, portando ritratti dell'eroe rivoluzionario Simon Bolivar e del defunto presidente Hugo Chavez.

Lo stesso Maduro si è detto "molto ottimista" riguardo al futuro e ha lanciato un appello per "il dialogo inclusivo con tutto il Paese".

Il capofila dell'opposizione Juan Guaido, riconosciuto come presidente a interim da 50 Paesi, ha promesso di resistere e assicurare la continuità del lavoro dei parlamentari eletti nel 2015 fino all'organizzazione di "elezioni presidenziali e legislative libere".

Secondo il politologo Jesus Castillo-Molleda, l'Assemblea nazionale costituita nel 2015 non ha fondamenti legali e costituzionali. Il direttore dell'istituto di sondaggi Datanalisis, Luis Vincente Leon, è del parere che l'opposizione e Guaido cerchino tramite essa di ottenere il sostegno internazionale, come quello di Washington.

Il segretario di Stato statunitense Mike Pompeo ha già annunciato che il suo Paese, al pari di Colombia, Brasile, Costa Rica e Panama, non riconosce il nuovo Parlamento.

L'amministrazione Trump è stata il principale alleato di Guaido ed ha imposto severe sanzioni economiche al Venezuela nel tentativo di allontanare Maduro.

Dal canto suo, il presidente socialista ha già lanciato diversi appelli al dialogo al futuro presidente USA Joe Biden.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz/afp con RSI (TG del 06.01.2021)

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.