Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Le elezioni dopo il caos Catalogna al voto: alta affluenza, esito incerto

(2)

Servizio del TG sul voto in Catalogna per l'elezione del parlamento regionale.

In Catalogna, dalle 9 di giovedì mattina oltre 5,5 milioni di persone sono chiamate a votare per l’elezione di 135 deputati al parlamento regionale di Barcellona. 

Il voto è cruciale, in una regione spaccata in due dal duro conflitto innescatosi con il potere centrale di Madrid, dopo la proclamazione della "repubblica" catalana dello scorso 27 ottobre.

Davanti a molti seggi, all’apertura, si sono viste lunghe code e i sondaggi prevedono un’affluenza che potrebbe toccare l’80%.

I dati ufficiali rilevavano alle 13.30 una flessione dello 0,4% rispetto alle elezioni regionali del settembre 2015 (34,7 contro 35,1%), ma questa consultazione si svolge durante una giornata lavorativa e non di domenica, come è tradizione. 

(1)

Corrispondenza da Barcellona sull'andamento del voto per l'elezione anticipata del parlamento catalano.

Le elezioni anticipate sono state convocate dal premier spagnolo Mariano Rajoy, che con poteri speciali conferiti dal Senato aveva dichiarato destituiti il presidente della comunità autonoma Carles Puigdemont e il suo governo, e sciolto il ‘Parlament’.

A sfidarsi alle urne, al di là del numero di liste in lizza, sono l'anima indipendentista della Catalogna e quella di chi sta con la Spagna.

Una contrapposizione che in questi mesi non ha diviso soltanto una regione ma anche delle famiglie, e incrinato rapporti d'amicizia o di coppia.

Tensioni indipendentiste Catalogna, il peso della crisi sui legami affettivi

La crisi scoppiata in Catalogna dopo la dichiarazione di indipendenza non è solo politica: ha travolto anche le relazioni sociali. Alla vigilia ...

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 dicembre 2017 9.35

L’indipendentista Puigdemont, che si è autoesiliato in Belgio con 4 suoi ministri, non ha potuto votare.

L’ex vicepresidente Oriol Junqueras, capolista di Esquerra Republicana de Catalunya (Erc), è in carcere a Madrid con altri 3 dirigenti.

Diciotto candidati indipendentisti alle elezioni sono incriminati per ribellione e sedizione per aver portato avanti il progetto politico d’indipendenza.

Meno visitatori Catalogna, l'aria di secessione non fa bene al turismo

Quasi 24% dei turisti che visitano la Spagna vanno in Catalogna, ma la crisi che sta vivendo la regione mette a dura prova anche questo settore. ...

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 dicembre 2017 8.39

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 21.12.2017)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box