Navigation

Ecco come la Vespa e la Lambretta diventano elettriche

Immagine d'archivio. Keystone / Jean-christophe Bott

A Londra un'officina trasforma Vespe e Lambrette in modelli ecologici. Attraverso un kit creato ad hoc permette di convertire il motore a combustione in quello elettrico.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 ottobre 2020 - 18:17
Chiara Bruschi, RSI News

“L’estetica delle Vespe e delle Lambrette è indimenticabile – spiega l’ideatore Niall McCart, nordirlandese trapiantato a Londra che è innamorato del design italiano da quando era adolescente – e l’elettrico rappresenta il futuro. Per questo abbiamo cercato una soluzione che le combinasse entrambe”.

Grazie a questi kit, infatti, che Retrospective Scooters vende al prezzo totale di circa 3’500 sterline, le due ruote vintage possono tornare a circolare a costo zero anche nel centro di Londra, dove una politica volta a diminuire l’inquinamento ha imposto misure sempre più severe.

Qui una legge permette ai veicoli elettrici di parcheggiare gratis e di muoversi senza pagare una tassa altrimenti molto costosa, che parte da un minimo di 17 sterline al giorno.

“Ci sono ottime ragioni oggi per convertire il proprio mezzo, da quella economica a quella ambientale. Per questo abbiamo venduto i nostri kit anche all’estero, dall’Italia agli Stati Uniti”. Con una promessa ai vespisti più intransigenti: nulla è stato cambiato nella struttura e nell’estetica del mezzo. Provare per credere.

Ecco il servizio:

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.