Navigation

Doping, niente corruzione nell'UCI ma i dubbi restano

Pubblicato il rapporto della commissione indipendente sulle accuse a carico di ex dirigenti dell'organizzazione ciclistica internazionale

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2015 - 23:26

Secondo le indagini gli ex presidenti dell'Unione Ciclistica Internazionale (UCI) l'olandese Hein verbruggen e l'irlandese Pat McQuaid non sarebbero colpevoli di corruzione, ma in più di un'occasione avrebbero avuto un atteggiamento eccessivamente benevolo nei confronti di Lance Armstrong. È quanto emerge dal rapporto pubblicato dalla commissione indipendente, presieduta dal ticinese Dick Marty, incaricata di esaminare le accuse a carico di ex dirigenti dell'UCI in merito al caso Armstrong.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.