Navigation

Dilma Rousseff si difende in senato

La presidente del Brasile: “Non ho sulla mia coscienza delitti di responsabilità, sono accusata in maniera ingiusta e arbitraria di crimini che non ha mai commesso”.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 agosto 2016 - 20:32

Dilma Rousseff ha pronunciato quello che probabilmente sarà il suo ultimo discorso come presidente del Brasile. Nell'aula del Senato ha definito come un golpe istituzionale il processo politico aperto contro di lei. E subito dopo ha risposto alle interpellanze dei senatori che devono votare sulla sua destituzione.

La sua destituzione sembra ormai inevitabile. Il voto finale dei senatori dovrebbe cadere mercoledì, come ci racconta il nostro corrispondente:

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.