Navigation

Papa Francesco incontra il leader sciita al-Sistani

Papa Francesco e l'ayatollah al-Sistani durante il colloquio tenutosi nella residenza privata della guida spirituale sciita a Najaf. Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

Incontro dai profondi significati simbolici quello avuto sabato da Papa Francesco nella città santa di Najaf, nel corso del suo viaggio in Iraq.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 marzo 2021 - 14:42
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 6.3.2021)

Il pontefice, giunto in aereo da Baghdad, è stato accolto dalla massima autorità sciita del paese, l'Ayatollah al-Sistani, nella sua residenza. Nel corso del vertice privato, durato una cinquantina di minuti, Papa Bergoglio ha ringraziato il religioso islamico per il suo impegno in favore delle minoranze nel suo paese.

Di fronte alla violenza e alle grandi difficoltà degli anni scorsi, ha detto Bergoglio - secondo quanto ha riferito il portavoce della sala stampa vaticana Matteo Bruni - la guida spirituale sciita ha levato la sua voce in difesa dei più deboli e perseguitati, affermando la sacralità della vita umana e l'importanza dell'unità del popolo iracheno.

Papà Francesco ha sottolineato anche "l'importanza della collaborazione e dell'amicizia fra le comunità religiose perché, coltivando il rispetto reciproco e il dialogo, si possa contribuire al bene dell'Iraq, della regione e dell'intera umanità".

Contenuto esterno

Da parte sua al-Sistani, che ha ringraziato Bergoglio per la visita, ha sostenuto che i cristiani dovrebbero vivere in pace e godere dei diritti come tutti gli altri iracheni.

Il leader sciita ha voluto soffermarsi anche sulla "soppressione delle libertà fondamentali e dell'assenza di giustizia sociale, in particolare delle guerre, degli atti di violenza, degli embarghi e dell'esodo di molti popoli nella nostra regione che soffrono, in particolare il popolo palestinese nei Territori occupati".

Al termine dell'incontro il pontefice è ripartito in aereo per Nassiriya dove ha partecipato al summit interreligioso ad Ur dei Caldei - dove si trova la casa di Abramo, padre delle grandi religioni monoteiste - con l'arcivescovo di Bassora Habib Hermiz Jajou al Nawfali, l'esarca patriarcale Firas Drdr e altre autorità spirituali.

"Ostilità, estremismo e violenza non nascono da un animo religioso, sono tradimenti della religione", ha affermato Bergoglio davanti ai suoi interlocutori. "Noi credenti - ha continuato - non possiamo tacere quando il terrorismo abusa della religione".

Il commento del vaticanista:

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.