Navigation

Rispediti in Canada 69 container di rifiuti

La prassi occidentale di inviare rifiuti nei Paesi in via di sviluppo incontra una crescente opposizione nel Sud-est asiatico. Keystone / Greenpeace Handout

Una nave con 69 container di spazzatura, scaricata cinque anni fa dal Canada nelle Filippine, è salpata venerdì dall'arcipelago alla volta del Paese nordamericano. La spedizione di ritorno mette fine a un incidente diplomatico che ha incrinato i rapporti tra Ottawa e Manila. I rifiuti erano falsamente dichiarati come materiale riciclabile.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 giugno 2019 - 16:35
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 01.06.2019)

La M/V Bavaria è salpata dal porto di Subic Bay, accompagnata idealmente da un tweetLink esterno del ministro degli esteri filippino Teodoro Locsin che scriveva "Ciao ciaooo". Sul posto erano presenti attivisti ambientalisti, che hanno esibito uno striscione con scritto "Le Filippine non sono una discarica".

Le tonnellate di immondizia erano arrivate nell'arcipelago tra il 2013 e il 2014, in quella che il primo ministro canadese Justin Trudeau ha descritto come una transazione privata. Il carico -che comprendeva rifiuti estranei a quanto indicato- era stato giudicato illegale tre anni fa da un Tribunale filippino.

Richiamato l'ambasciatore

Il presidente Rodrigo Duterte -salito al potere nel 2016 e criticato da Trudeau per la nota e sanguinosa "guerra alla droga"- aveva minacciato il rimpatrio forzato del carico di spazzatura e aveva dato un ultimatum al governo canadese. Trascorso il termine, a inizio maggio, aveva richiamato il suo ambasciatore a Ottawa e altri consoli.

Venerdì, l'esecutivo di Trudeau ha fatto sapere di stare collaborando per il ritorno in patria dei rifiuti.

Riconsegna non inedita

La prassi (piuttosto comune) dei paesi occidentali di inviare immondizia in quelli in via di sviluppo incontra una crescente opposizione. Pochi giorni fa, la Malaysia aveva rimandato 450 tonnellate di plastica in diversi Paesi dai quali era stata importata.

Contenuto esterno

Dopo la chiusura della Cina alle importazioni di rifiuti di plastica l'anno scorso, il Sud-est asiatico è diventato una delle destinazioni di punta di tale commercio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.