Navigation

La retrospettiva del 2018

Gli eventi che hanno connotato l'anno che sta per chiudersi e che ha visto crescere crisi internazionali e opposizioni ai governi in Europa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 dicembre 2018 - 22:00
tvsvizzera/spal con RSI (Tg del 31.12.2018)
La stretta di mano tra Donald Trump e Kim Jong-un Keystone

​​​​​​​

Retrospettiva nazionale

Tensioni con l'Unione europea, che preme per l'adesione di Berna all'accordo istituzionale negoziato con Bruxelles, e alcuni scandali hanno caratterizzato questi dodici mesi nella Confederazione: conti taroccati di Autopostale, bufera sul ceo della banca Raiffeisen, appaltopoli nei Grigioni  e la vicenda Maudet a Ginevra hanno scosso il panorama politico. Ma a preoccupare sono anche i tentennamenti del Consiglio federale che potrebbe però ricevere nuova linfa dall'ingresso in dicembre di due donne, Karin Keller-Sutter e Viola Amherd.  

Contenuto esterno


Le nuove fratture

Crisi dei migranti, crescita dei movimenti populisti e difficoltà dei principali governi europei hanno segnato il 2018, che si era aperto con l'insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca e in ottobre ha visto la vittoria del rappresentante dell'estrema destra Jair Bolsonaro in Brasile. Mentre nel Vecchio Continente Macron, Merkel e May devono far fronte a estese opposizioni e in Italia l'inedito governo M5S-Lega deve vincere le diffidenze.


Contenuto esterno


Anno di ponti

Il 2018 è stato un anno di ponti gettati tra paesi: tra le due Coree, tra USA e Corea del Nord, Cina e Giappone. Ma in agosto un ponte reale è crollato a Genova, facendo 43 vittime. E sullo sfondo resta la guerra sui dazi che rischia di creare nuove tensioni internazionali.

Contenuto esterno


Intrighi

Sembrano una perfetta trama di un romanzo di spie ma i casi Kashoggi, il giornalista ucciso dopo essere entrato nell'ambasciata saudita a Istanbul, e  Skripal, l'ex agente dei servizi di Mosca intossicato in un pub a Salisbury (Inghilterra), hanno scosso l'opinione pubblica.

Contenuto esterno


Le emozioni del 2018

I giovani calciatori bloccati in una grotta in Thailandia, stragi nelle scuole statunitensi, bambini separati e segregati al confine Tra USA e Messico, crisi umanitaria nello Yemen e i cambiamenti climatici, particolarmente evidenti in alcune aree geografiche, hanno tenuto con il fiato sospeso milioni di persone nel mondo.

Contenuto esterno


Lo sport svizzero 

Una finale persa con la Svezia ai mondiali di hockey su ghiaccio e un ricco medagliere alle olimpiadi invernali in Corea del Sud hanno caratterizzato il 2018 dello sport svizzero. Ma la copertina la merita ancora un volta Roger Federer che all'età di 37 anni è riuscito nell'impresa di tornare numero uno del tennis mondiale.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.