Navigation

Manovre di Kim "per colpire a lungo raggio"

Le immagini diffuse venerdì dall'agenzia ufficiale nordcoreana. Kcna Via Kns

Torna a salire la tensione tra Stati Uniti e Corea del Nord. Mentre si apprende che gli USA hanno sequestrato una nave cargo di Pyongyang impiegata per vendere carbone -è la prima volta che accade- l'agenzia ufficiale Kcna ha reso noto venerdì che il leader nordcoreano Kim Jong-un ha guidato manovre militari di "vari mezzi per colpire a lungo raggio".

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 maggio 2019 - 13:15
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 10.05.2019)

Giovedì pomeriggio, il lancio di due missili a corto raggio era stato rilevato dalla Corea del Sud. Secondo i dettagli forniti in seguito dal comando congiunto con gli Stati Uniti, un vettore avrebbe coperto la distanza di circa 420 chilometri, l'altro di circa 270 chilometri. Lanciati dall'area nord-ovest di Kusong, entrambi sarebbero caduti nel Mare dell'Est.

La Presidenza sudcoreana aveva espresso "seria preoccupazione" per una mossa che "non aiuta affatto gli sforzi in atto per migliorare i rapporti intercoreani e per allentare le tensioni militari sulla penisola".

Contenuto esterno

Kim, da parte sua, ha enfatizzato venerdì la necessità di rafforzare le capacità di difesa "per svolgere compiti di combattimento e mantenere la postura di combattimento piena contro qualsiasi emergenza, come richiesto dalle situazioni".

Le immagini diffuse suggeriscono che i vettori siano gli stessi testati sabato scorso e modellati sull'Iskander russo.

Contenuto esterno

Quanto alla nave cargo sequestrata, che è la seconda più grande della Corea del Nord, l'accusa dell'amministrazione Trump è di violazione delle sanzioni internazionali da parte del regime di Kim Jong-un. L'imbarcazione sarebbe stata fermata nell'aprile del 2018.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.