Navigation

Ucciso per strada scienziato iraniano, sospetti sul Mossad

L'auto su cui viaggiava l'esperto nucleare iraniano ucciso da sconosciuti Keystone / Irib Handout

Mohsen Fakhrizadeh-Mahabadi, lo scienziato ritenuto tra i responsabili del programma nucleare iraniano, è stato freddato a colpi di pistola ad Absard, a nord-est della capitale Teheran venerdì pomeriggio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 novembre 2020 - 22:04
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 27.11.2020)

Tra i maggiori indiziati dell'omicidio, secondo quanto riporta il ministero degli esteri iraniano, figurano i servizi segreti israeliani.

Ci sono "serie indicazioni di un ruolo di Israele" nell'uccisione del ricercatore, ha scritto su Twitter il capo della diplomazia persiana Mohammad Javad Zarif.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

Secondo testimoni ci sarebbe stata inizialmente un'esplosione, forse per bloccare l'auto su cui viaggiava Fakhrizadeh - che secondo i media locali sarebbe già scampato in passato ad attentati perpetrati dal Mossad - seguita da una serie di spari.

In proposito fonti vicine ai Pasdaran hanno riferito che alcuni colleghi dell'ex responsabile del Centro di ricerca di fisica (Phrc) della Repubblica islamica e almeno tre dei terroristi "sono rimasti uccisi o feriti nel corso dell'attacco di questo pomeriggio".

Una "terribile vendetta" per questo episodio è stata subito annunciata dal capo di Stato maggiore delle forze armate iraniane Mohammad Bagheri.

Lo scienziato era stato accusato dal premier israeliano Benjamin Netanyahu di gestire il programma per lo sviluppo di armi atomiche e secondo fonti israeliane figurava nella lista degli obiettivi del Mossad.

L'omicidio cade in un momento cruciale, vale a dire a soli due mesi dall'abbandono della Casa Bianca da parte di Donald Trump, che aveva sconfessato l'accordo sottoscritto da Barack Obama, inaugurando una stagione di aperta ostilità nei confronti del regime di Teheran.

tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 27.11.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.