Navigation

Il coronavirus porta la tregua nello Yemen

Sotto pressione a causa del coronavirus e impantanata in una guerra che appare senza fine, l'Arabia Saudita ha deciso una tregua unilaterale in Yemen di due settimane. Il paese che si affaccia sul Golfo di Aden ha registrato il suo primo contagiato dal Covid-19.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 aprile 2020 - 16:14
tvsvizzera.it/fra con RSI
Meno di un mese fa c'è stato il quinto anniversario del conflitto. Ora il paese si prepara a combattere il coronavirus. Keystone / Yahya Arhab

La tregua era stata già chiesta nei giorni scorsi dall'inviato speciale dell'Onu per lo Yemen, Martin Griffiths. E questo aveva ripreso un appello del segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, per cui le parti in guerra erano incoraggiate a metter fine alle ostilità nell'ambito degli sforzi comuni di fronte al coronavirus.

Il conflitto yemenita (la coalizione militare a guida saudita è attiva nel conflitto dello Yemen a sostegno di un governo riconosciuto a livello internazionale dal 2015) ha causato finora circa centomila morti, uccisi da armi convenzionali. Alla guerra si aggiunge una endemica situazione di carestia e di diffusione di malattie antiche quanto mortali come il colera e la febbre dengue. Il sistema sanitario non è in grado di affrontare la pandemia del Covid-19 né di monitorare la situazione.

Per ora gli insorti Huthi non hanno ancora risposto ufficialmente all'annuncio di tregua unilaterale di Riyad. Nei giorni scorsi avevano invece messo sul tavolo dell'inviato Onu un piano dettagliato per arrivare alla pace, tramite una più prolungata tregua militare e la spartizione politica e amministrativa dell'ipotetico Yemen post-conflitto.

"Ci aspettiamo che gli Huthis (ribelli yemeniti) accetteranno la tregua. Stiamo preparando il terreno per combattere il Covid-19" in Yemen, ha detto un alto funzionario.

Sulla difficile situazione yemenita, ecco il servizio del telegiornale:

Contenuto esterno




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.