Navigation

Colonia, prima condanna per la notte di Capodanno

A un 26enne algerino e a suo fratello è stata inflitta una pena di 6 mesi di reclusione sospesa con la condizionale per furto e ricettazione. Cade l'accusa più pesante

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 maggio 2016 - 20:22

A Colonia, si è tenuto oggi, venerdì, il primo processo a carico di un 26enne algerino per le molestie sessuali avvenute nella notte di San Silvestro. La procura ha però dovuto lasciar cadere l'accusa, perché la vittima non ha riconosciuto l'imputato.

La vittima era stata braccata nell'androne della stazione centrale ed era rimasta in balia dei suoi aggressori per alcuni terribili e infiniti minuti. Le accuse di molestia, che il giovane ha sempre respinto, sono però cadute perché la donna, durante l'udienza, non ha riconosciuto in lui il suo aggressore.

Al 26enne, e a suo fratello, entrambi presenti in aula, è stata però inflitta una pena di 6 mesi di reclusione sospesa con la condizionale per furto e ricettazione.

Finisce così la vicenda giudiziaria del primo sospetto autore delle molestie e aggressioni sessuali di massa della notte di Capodanno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.