Navigation

Charleston, sparatoria in chiesa: 9 morti

Bush annulla gli impegni elettorali che lo avrebbero portato nella cittadina statunitense

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2015 - 13:16

Negli Stati Uniti è caccia all'uomo, in seguito a una sparatoria in una storica chiesa afro-americana a Charleston, in Carolina del Sud. Lo sparatore, un bianco di 21 anni, con i capelli biondi, ha ucciso 9 persone, tra cui anche il pastore della chiesa e membro democratico del Senato Clementa Pinckney.

"Posso assicurare che stiamo facendo tutto quanto in nostro potere per trovare" ha detto il capo della polizia di Charleston, Greg Mullen, secondo il quale si tratta di un crimine a sfondo razziale.

Il candidato alle presidenziali del 2016 Jeb Bush, in seguito alla sparatoria, ha fatto sapere di aver cancellato tutto il programma relativo ad una serie di eventi elettorali proprio a Charleston.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.