Navigation

Caso Yara, presunzione di innocenza ma il caso è chiuso

L'accusa è durissima per il muratore di 40anni, tre figli, ora in carcere: delitto aggravato dalle "sevizie" e dalla "crudeltà

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2014 - 11:21

In Italia il fermo del presunto assassino della giovane Yara Gambirasio, uccisa vicino a Bergamo nel 2010, ha riaperto le ferite di uno dei più tristi casi di cronaca nera degli ultimi anni. C'è sgomento per il profilo dell'uomo incastrato dalla prova del DNA (apparentemente un normalissimo padre di famiglia) e c'è anche polemica fra la procura e il ministro degli interni Angelino Alfano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.