Navigation

Cameron: accordo possibile tra Ue e Regno Unito

Il premier britannico presenta a Bruxelles le sue condizioni, in vista del referendum sull'adesione all'Unione, che potrebbe essere anticipato

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 novembre 2015 - 21:39

Il premier britannico David Cameron ha recapitato al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk una missiva di richieste per ridefinire i rapporti con l'Unione. Quattro i dossier generali: governance economica, competitività, sovranità, immigrazione. Sui quali il Regno Unito chiede più flessibilità e autonomia, meno vincoli e normative.

Convincere l'Europa ad accogliere le proposte di riforma, Cameron ne è convinto, non sarà una missione impossibile poiché è nell'interesse di tutti scongiurare il divorzio tra Londra e Bruxelles. Nella lettera a Tusk, il premier esordisce con un confidenziale "Caro Donald", ma le richieste sono perentorie e "giuridicamente vincolanti".

Non si è fatto attendere il commento di Angela Merkel, che già lunedì sera era stata informata dallo stesso Cameron sulle richieste britanniche. "Alcuni punti sono più difficili, altri lo sono meno", ha detto la cancelliera tedesca. "Ma se avremo lo spirito di voler risolvere i problemi, nutro una certa fiducia che troveremo una soluzione".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.