Navigation

Cairo, bomba di fronte a consolato italiano

Per il governo egiziano, si è trattato di atto terroristico; l'esplosione ha causato la morte di una persona e il ferimento di altre 9; nessun italiano coinvolto

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 luglio 2015 - 14:57

Una bomba è esplosa sabato mattina di fronte al consolato italiano del Cairo. Secondo il governo egiziano si tratta di un atto terroristico. Il bilancio parla di un morto e 9 feriti, tra cui anche una mamma con i suoi due figli. Nessun italiano è rimasto coinvolto. A quell'ora, attorno alle 6 e 30, l'edificio era ancora chiuso.

La facciata del consolato è stata pesantemente danneggiata dalla deflagrazione. Probabilmente a esplodere è stata un'autobomba, innescata con un telecomando a distanza. Finora non c'è stata alcuna rivendicazione.

L'Italia, nel frattempo, ha affermato che non intende farsi intimidire. Il governo egiziano, da parte sua, ha condannato l'attacco e promesso ogni sforzo per sradicare il terrorismo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.