Navigation

Bruxelles, ancora tensioni

Il ritorno alla normalità è lento e faticoso per la capitale europea

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 aprile 2016 - 20:53

Ancora tensione a Bruxelles, dove la polizia è intervenuta e ha compiuto diversi fermi: in Place de la Bourse, il luogo della memoria e dell'omaggio alle vittime degli attentati; anche a Molenbeek, per impedire la protesta organizzata da Géneration Identitaire, un movimento di estrema destra.

A sei giorni dal caos provocato dagli hooligan, le forze dell'ordine hanno quindi fatto rispettare alla lettera il divieto di manifestare. E intanto, la procura belga accusata di terrorismo una nuova persona: si tratta di un uomo finito in manette venerdì nell'ambito dell'inchiesta sull'attentato sventato alcuni giorni fa in Francia.

Ma non è l'unica novità: è infatti emerso che l'appartamento di Scharbeek, da dove sono partiti i kamikaze dell'aeroporto, era stato affittato presentando un falso passaporto portoghese.

Domenica ci sarà la riapertura parziale dello scalo di Zaventem, con tre i voli in programma.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.