Navigation

Bruxelles, altri 4 arresti e caos in piazza

La polizia ha effettuato almeno 13 perquisizioni tra la capitale e Anversa e ha dovuto disperdere un gruppo di nazionalisti sulla Place de la Bourse

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 marzo 2016 - 21:06

È incessante la ricerca d'informazioni sulla rete di jihadisti da parte della polizia belga, che domenica ha effettuato almeno 13 perquisizioni a Bruxelles e nella regione di Anversa; 9 uomini sono stati interrogati, 4 dei quali sono in stato di fermo. Non è ancora noto però cosa sia stato trovato durante le perquisizioni.

È di oggi anche la notizia dell'incriminazione per partecipazione ad attività terroristica dell'uomo fermato venerdì a una stazione del tram di Schaerbeek. Si tratterebbe di Abderhaman Ameroud, un algerino condannato nel 2005 dal tribunale correzionale di Parigi a 7 anni di prigione e all'espulsione definitiva dal territorio francese per aver reclutato volontari per la guerra in Afghanistan e aver fornito sostegno logistico nel 2001 per l'assassinio del comandante Massoud, nemico giurato del regime talebano.

La polizia belga, intanto, è stata impegnata nel disperdere un gruppo di nazionalisti che ha fatto irruzione sulla Place de la Bourse, nel cuore della capitale. "Siamo hooligan e siamo a casa nostra", urlavano i manifestanti, oltre a slogan contro l'autoproclamato Stato islamico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.