Navigation

Brexit: deciderà il Parlamento

L’Alta Corte boccia Theresa May: la premier non potrà attivare l’Articolo 50 senza Westminster

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 novembre 2016 - 13:07

Questa mattina (giovedì) il tribunale londinese - con una sentenza clamorosa - ha accolto le ragioni di un gruppo di cittadini contrari alla Brexit, che, all'indomani del voto referendario, avevano chiesto che fosse Westminster, e non un'iniziativa di Downing Street, ad avviare la procedura formale di divorzio del Regno Unito dall'Unione Europea.

Il Governo si era difeso sostenendo che le "prerogative storiche" e la "volontà popolare espressa chiaramente dal referendum" garantivano un pieno mandato operativo.

Atteso entro la fine di marzo 2017, l'avvio dei negoziati con Bruxelles adesso rischia seriamente di essere rimandato, anche perché l'Esecutivo ha già fatto sapere che si appellerà alla sentenza odierna: toccherà dunque alla Corte Suprema deliberare entro la fine dell'anno.

May si è sempre opposta a qualsiasi coinvolgimento parlamentare, ritenuto un'indebita interferenza che rischia - a suo dire - non solo di rallentare il calendario d'uscita, ma addirittura di compromettere lo stesso buon esito delle trattative.

Ciononostante, di fronte alle crescenti proteste dei parlamentari di tutti gli schieramenti, la Prima ministra aveva concesso loro di poter esaminare preventivamente la sua strategia negoziale, presenziando lei stessa ad un dibattito alla Camera dei Comuni.

TG/Lorenzo Amuso

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.