Navigation

Brasile, dopo il virus Zika spunta il superbatterio

Scoperto dai ricercatori dell’Università di Rio. Un superbatterio resistente al sistema degli anticorpi e che può provocare disturbi, nausea, infezioni respiratorie e gastrointestinali

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 giugno 2016 - 20:33

Brasile, dopo il virus Zika, una nuova preoccupazione relativa alla salute in vista delle Olimpiadi che inizieranno fra meno di due mesi. Dei ricercatori locali hanno scoperto nelle acque contaminate della città carioca l'esistenza di un superbatterio resistente agli anticorpi e che potrebbe causare non pochi problemi ad atleti e visitatori.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.