Navigation

Borse, Asia giù, bene l'Europa

Dopo giorni di forti cali alla borsa di Shanghai, le autorità cinesi hanno deciso di intervenire

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 agosto 2015 - 20:42

La banca centrale cinese ha deciso di ridurre di un quarto di punto i tassi di interesse, riducendo nel contempo la quota di riserve valutarie obbligatorie che le banche devono possedere. Una mossa che potrebbe permettere agli istituti finanziari di avere più denaro da prestare e di conseguenza rilanciare l'economia.

L'obbiettivo è fare in modo che gli istituti finanziari prestino più soldi, e a tassi più bassi, per il rilancio di settori quali l'agricoltura, le piccole imprese e più in generale i settori più deboli dell'economia nazionale.

L'intervento della banca centrale è arrivato alla fin di una giornata difficile per alcune borse asiatiche, come la citata Shanghai e Tokyo, una giornata che si era invece rivelata positiva per piazze come Hong Kong. La mossa è servita - e molto - anche alle borse europee, già sulla strada del recupero dopo i tonfi geralizzati di ieri. L'indice SMI della borsa svizzera ha chiuso in rialzo del 3 e 4 per cento.Bene a metà seduta anche i principali indici americani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.