Navigation

Bergoglio apre il sinodo della famiglia

L'assemblea dei vescovi all'indomani delle contestate affermazioni sull'omosessualità del teologo Charamsa

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2015 - 22:13

All'indomani del clamore suscitato dalle esternazioni del teologo dell'ex Sant'Uffizio Charamsa, che ha pubblicamente rivendicato la sua omosessualità, si è aperto, con una messa solenne celebrata da Papa Francesco in Piazza San Pietro, il sinodo dei vescovi dedicato alla famiglia.

Secondo gli osservatori si tratta di un appuntamento cruciale nella recente storia della Chiesa, in ragione soprattutto dei possibili cambiamenti che si potranno verificare sull'onda delle aperture impresse in questi mesi dal pontefice.

Proprio in tema di famiglia hanno fatto discutere le affermazioni di Bergoglio sulla comunione dei divorziati e la revisione in corso delle procedure di annullamento del matrimonio. Ma anche in tema di omosessualità, nonostante l'impatto mediatico del caso Charamsa, c'è chi attende posizioni meno rigide da parte della gerarchia ecclesiastica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.