Navigation

BCE col pugno di ferro sulla Grecia

La decisione di non concedere liquidità alle banche elleniche manda in crisi le borse elleniche

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 febbraio 2015 - 13:33

Un'altra giornata di incontri chiave per il nuovo governo di Tsipras, in quella che è l'ultima tappa della campagna europea della Grecia. Il ministro delle finanze è a colloquio con l'omologo tedesco a Berlino per cercare di convincere i partner finanziari a tagliare il debito del paese ellenico e cercare dunque di risollevarne l'economia in maniera struttura.

A sopresa, però è arrivata la decisione della Banca Centrale Europea ha scelto di chiudere i rubinetti alle banche greche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.