Navigation

BCE, orizzonti meno oscuri

Il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi reuters

Riviste al rialzo le previsioni di crescita e inflazione per la Zona euro; Draghi: "Saremmo pronti a un Brexit"

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 giugno 2016 - 16:41

La Banca centrale europea (BCE) ha rivisto al rialzo le sue previsioni di crescita e di inflazione per la Zona euro quest'anno e si attende un conseguente leggero miglioramento della situazione economica. Ha inoltre lasciato inalterati i tassi d'interesse.

Il prodotto interno lordo (PIL) dovrebbe aumentare dell'1,6% nel 2016 mentre l'inflazione dovrebbe attestarsi allo 0,2%, ha detto giovedì il presidente dell'istituzione Mario Draghi durante una conferenza stampa a Vienna.

Le previsioni precedenti, risalenti allo scorso marzo, erano di 1,4% per l'aumento del PIL e 0,1% per l'inflazione. Gli orizzonti sono dunque un po' meno oscuri, anche se l'obiettivo di un'inflazione al 2% rimane ancora lontano.

Draghi ha anche parlato di Grecia (dalla quale sono attese ulteriori misure prima che venga ristabilito un meccanismo che faciliti il finanziamento delle banche elleniche) e di Brexit. "Riteniamo che il Regno Unito debba rimanere nell'UE, ma in caso contrario saremmo pronti", ha assicurato.

ats/afp/ZZ

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.