Navigation

Bangkok, è caccia all'uomo

È molto improbabile che l'attacco sia stato condotto da un solo uomo, ma è plausibile che siano coinvolte più persone nell'attentato che ha causato 22 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 agosto 2015 - 12:46

È ancora caccia all'uomo a Bangkok. Il presunto attentatore non è ancora stato identificato, ma, secondo la polizia thailandese, il giovane ripreso dalle telecamere di sorveglianza non avrebbe agito da solo. Tutte le piste restano comunque aperte. E intanto è stato riaperto il tempio induista dove é avvenuta l'esplosione che, lo ricordiamo, ha causato almeno 22 morti e più di 120 feriti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.