Navigation

Azione legale contro la Brexit

Un gruppo di cittadini ricorre contro il mancato coinvolgimento di Westminster da parte della premier May

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 ottobre 2016 - 21:26

La sbornia per la Brexit incomincia a passare e i primi nodi stanno venendo al pettine nel Regno Unito. Una sentenza di tribunale potrebbe infatti bloccare la procedura di uscita dall'Unione europea, dopo che un gruppo di cittadini ha promosso un'azione legale contro la decisione della Premier Theresa May di attivare l'articolo 50 del Trattato di Lisbona senza coinvolgere il Parlamento.

Il referendum di giugno era consultivo e non vincolante e quindi, sostengono i ricorrenti, l'azione unilaterale del governo in materia è una palese violazione dell'ordinamento britannico. E a Westminster la maggioranza dei parlamentari, sottolineano gli analisti, è contraria all'uscita dall'Ue. Una bella grana per la neo premier britannica.

Intanto comincia a delinearsi anche la fattura della Brexit: 24 miliardi di franchi per onorare le obbligazioni congiunte e decine di miliardi di mancate entrate fiscali. Solo per cominciare, beninteso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.